Les 7 étapes pour réussir dans votre business

The 7steps to Success in Your Business

L’étape la plus importante est d’augmenter la conscience

Toute grande entreprise a une histoire. La première graine qui est plantée dans l’esprit de l’entrepreneur peut s’épanouir dans une entreprise prospère avec les bons outils et la bonne approche. Donc, nous sommes venus ici pour vous demander : Que vous faudra-t-il pour démarrer votre business ?
Cette question peut être divisée en 7 questions, vos 7 étapes pour réussir dans votre activité :
Pourquoi, qui, pour qui, quoi, quand, où et comment. Cela vous semble assez simple ? Ces simples questions ont la capacité de faciliter une exploration approfondie de ce que votre entreprise a la capacité de devenir, afin que vous puissiez tous les deux voler et planer sur les vents du changement et atteindre le ciel et au-delà.
Commençons par le début.
Répondez aux questions au moins cinq fois. Utilisez un carnet pour noter vos réponses à chaque question et laissez suffisamment d’espace après chaque question pour que vous puissiez revenir en arrière et écrire la prochaine série de réponses sous chaque question. Laissez environ 5 espaces pour chaque question. Essayez de remplir un nouvel espace pour chaque question sans laisser les réponses précédentes influencer la nouvelle. Cela vous aide à tester les limites, les possibilités et la créativité de votre propre esprit. Il sera très intéressant de voir à quelle fréquence vos nouvelles réponses s’alignent avec les anciennes, et à quelle fréquence de nouvelles prises de conscience apparaissent qui élargissent votre perspective initiale.


Règle #1 : S’AMUSER

Règle #2 : NE JUGUEZ PAS VOTRE RÉPONSE

Règle #3 : VEUILLEZ ÊTRE ILLOGIQUE, IMPREVISIBLE, ET BIZARRE

1. Pourquoi ?
Pourquoi voulez-vous démarrer cette activité ?Quelles sont votre inspiration et votre motivation pour commencer ce projet ? (Veuillez noter que cela peut être économique, spirituel, émotionnel, intellectuel. N’essayez pas d’avoir une motivation “honorable” – c’est un jugement et une violation de la règle #2).
Notez simplement les premières choses qui vous viennent à l’esprit. Voyez si vous pouvez écrire au moins 3 réponses.


2.  Qui ? Qui travaillera dans cette entreprise ? Le ferez-vous ? D’autres le feront-ils ?Qui sont les autres ? Même si vous ne connaissez pas encore leurs noms, quels sont les talents et les caractéristiques des personnes qui pourraient y contribuer ? Quels sont les besoins de l’entreprise (activités, talents, rôles, expertise) ? 
Il faut parfois qu’une personne ayant un certain titre soit à bord, l’un des membres fondateurs, ou un ambassadeur de l’entreprise, pour donner à l’entreprise un certain prestige, il faut qu’elle ait un impact. Il peut s’agir d’un célèbre psychologue ou d’un prix Nobel de la paix, selon l’entreprise. La question de savoir qui sera impliqué est une excellente question. Notez au moins 7 noms ou titres ou talents ou une association de chacun.

3. Qui ? Pour qui est l’entreprise ? Qui est le client ?Qui bénéficierait le plus des services ou des produits que vous envisagez d’offrir ? Quelles sont leurs caractéristiques démographiques ?

4. Quoi ? Quel est le but de l’entreprise ? Quel est exactement le produit ou le service ?Qu’est-ce qui le rend unique ? Selon vous, qu’est-ce que cela crée dans l’industrie ou dans le monde ?

5. Quand ?Le moment est-il venu de lancer l’entreprise ? Ou est-ce dans le futur ?Pourquoi le moment est-il venu d’ouvrir l’entreprise ?Combien de temps ça va durer ? S’agit-il d’un projet temporaire ?Quelles en seront les phases ?Quand chaque phase commence-t-elle et quand se termine-t-elle ?
Souvent, le temps qu’il faut pour faire quelque chose n’a pas d’importance, mais le choix du moment peut être la clé du succès.

6. Ou ?A-t-il un emplacement physique ?S’agit-il d’une entreprise en ligne ?Le ” où ” que vous avez décidé est-il un avantage ou une limitation ?S’agirait-il d’un projet pilote à un endroit qui s’étendrait ensuite à plusieurs endroits ?

7. Comment ?Comment allez-vous commencer, faire connaître, activer la fonctionnalité de l’entreprise et l’amener au succès ?Quel est le plan et à chaque étape, quelles sont les alternatives au cas où vous rencontreriez des obstacles ?Ces questions peuvent être vos 7 étapes vers le succès car elles vous invitent à regarder l’entreprise à partir d’une approche à 360°.
Vous pouvez également jouer avec la séquence des étapes, en changeant l’ordre dans lequel vous vous posez ces questions. Vous découvrirez comment ils se nourrissent les uns les autres pour créer une image plus complète, un plan d’affaires plus flexible ou un énoncé de mission plus précis. Par exemple : La ” façon ” de faire bouger l’entreprise sera également influencée par ” qui ” travaillera dans l’entreprise, ” quand ” et ” quelles ” sont leurs compétences.
Examinez ces questions une à une pour commencer. Revoyez-les ensuite, sans vous référer à vos réponses précédentes. Au troisième tour, vous verrez à quel point c’est un don et combien vous gagnez plus de clarté dans vos réponses. Vous serez en mesure d’explorer de nouvelles possibilités qui se révèlent à chaque série de réponses.
Et nous voici arrivés à la dernière partie de cet exercice.
Nous avons discuté de toutes les questions pertinentes pour déterminer l’activité en interne. Mais voici deux autres facteurs à prendre en considération :
Comment l’entreprise vous touchera-t-elle personnellement ?

Comment l’entreprise influera-t-elle sur les facteurs externes, (c.-à-d. le monde, les gens dans votre vie et les entreprises semblables) ?
Dans quel ordre de priorité voudriez-vous placer les deux facteurs ci-dessus ? Revenez en arrière et donnez une dernière série de réponses à chacune des questions en gardant ces facteurs à l’esprit et voyez comment votre perception se transforme !
Lorsque vous avez déjà une entreprise/activité, il est également important de savoir quand il est temps de changer, et ces questions peuvent vous aider à le savoir aussi. Parfois, nous démarrons une entreprise et nous avons des collaborateurs qui sont très doués pour la création d’entreprises. À un certain moment, un changement de collaborateurs peut s’avérer nécessaire pour faire passer l’entreprise à la phase suivante, avec de nouvelles personnes aux talents différents qui la feront démarrer à un niveau différent. Et, souvent, il est important de savoir quand il est temps de fermer l’entreprise, de démarrer une nouvelle activité ou de l’étendre.
Ce sont toutes des énergies différentes, et il est important de poser des questions à chaque étape du processus pour savoir si vous devez aller de l’avant, maintenir ou changer de cap.
Les affaires et l’activité entrepreneuriale sont une aventure dynamique et en constante évolution. Êtes-vous prêt à avoir plus d’aisance et de clarté sur la direction que vous désirez prendre ?
Essayez les 7 étapes vers le succès et voyez quelles innovations ou même quelles confirmations elles peuvent vous apporter, à vous et à votre business.

Kass Thomas

#kassthomas #7steps #7stepstoflawlesscommunication #dancingwithriches #kassism  #accessconsciousness #whatelseispossible #weip #nevergiveup #easejoy&glory   #communication #motivation #empoweringpeople #business #success #women #moreease #money

I 7Passi per il Successo nel Tuo Business

The 7steps to Success in Your Business

 
 
Il passo più importante è aumentare la consapevolezza
 
 
Ogni grande business ha una sua storia. Il primo seme piantato nella mente dell’imprenditore può dare la fioritura di un’azienda di successo, con i strumenti giusti e il focus necessario. Quindi, siamo qui a chiederti: Cosa ci vorrà per iniziare la tua attività?
 
Questa domanda può essere ancora suddivisa in 7 domande, i tuoi 7passi per il Successo con il tuo business:
 
Perché, chi, per chi, cosa, quando, dove e come. Sembra abbastanza semplice? Queste semplici domande hanno la capacità di facilitare un’esplorazione profonda di ciò che il tuo business può diventare, in modo che entrambi possiate volare e planare tra i venti del cambiamento e arrivare al cielo e oltre.
 
 
Cominciamo.
 
Leggi le domande almeno cinque volte. Usa un blocco per buttare giù le tue risposte a ogni domanda, e lascia spazio sufficiente dopo ognuna, così da poter tornare indietro e scrivere il prossimo giro di risposte sotto ogni domanda. Lascia circa 5 spazi per ogni domanda. 
Cerca di riempire un nuovo spazio per ogni domanda senza lasciare che le risposte precedenti ti influenzino su quella nuova. Questo ti aiuta a testare i limiti, le possibilità e la creatività della tua mente. Sarà abbastanza interessante vedere quanto spesso le tue nuove risposte si allineino con quelle vecchie, e quanto spesso emergano nuove consapevolezze che espandono il tuo punto di vista iniziale.
 
Regola nr. 1: DIVERTITI
Regola nr. 2: NON GIUDICARE LE TUE RISPOSTE
Regola nr. 3: SII DISPOSTO AD ESSERE ILLOGICO, IMPREVEDIBILE, E STRANO
 
 
 
1. Perché?
Perché vuoi iniziare questa attività?
Qual è la tua ispirazione e motivazione per iniziarla?
(Tieni nota che la motivazione può essere economica, spirituale, emotiva, intellettuale. Non cercare di avere una motivazione “onorevole” – che è un giudizio! e quindi una violazione della regola nr 2.)
 
Scrivi semplicemente le prime cose che mi vengono in mente. Vedi se riesci a dare almeno 3 risposte.
 
 
2. Chi?
Chi lavorerà in questo business?
Sarai tu?
Saranno altri?
Chi sono gli altri?
Anche se non sai ancora chi saranno – quali possono essere i talenti e le caratteristiche delle persone che sarebbero un contributo? Cosa richiede questo business (attività, talenti, ruoli, competenze)?
 
A volte hai bisogno di una persona con un certo titolo per cominciare, uno dei membri fondatori o una persona che rappresenti l’azienda, per poterle dare un livello di prestigio, è necessario che abbia un certo impatto. Potrebbe essere un famoso psicologo o un vincitore del premio Nobel per la pace, a seconda del business. Chi sarà coinvolto è una grande domanda. Annota almeno 7 nomi o titoli o talenti o una combinazione di ciascuno.
 
 
3. Per Chi?
A chi è rivolto questo business? Chi è il cliente?
Chi trarrebbe maggiori benefici dai servizi o prodotti che intendi offrire?
Quali caratteristiche hanno?
 
 
4. Cosa?
Di cosa si occupa questo business?
Qual’è esattamente il prodotto o il servizio?
Cosa lo rende unico?
Cosa vedi che creerebbe in quel settore o nel mondo?
 
 
5. Quando?
È ora il momento di avviare l’attività? O in seguito?
Perché il momento perfetto per aprirla è ora o in seguito?
Quanto durerà? È un progetto temporaneo?
Quali fasi attraverserà?
Quando inizierà e finirà ogni fase?
 
Spesso, quanto tempo prende una cosa non è rilevante, ma il tempismo può essere un’ottima chiave per il successo.
 
 
6. Dove?
Ha una collocazione fisica?
È un business online?
Il “dove” hai deciso è un vantaggio o una limitazione?
Potrebbe trattarsi di un progetto pilota in un posto che potrebbe espandersi in più posti?
 
 
7. Come?
Come inizierai, come la farai conoscere, come attiverai la funzionalità dell’azienda e la porterai al successo?
Qual è il piano e ad ogni passo quali possono essere le alternative, in caso di ostacoli per proseguire?
 
 
Queste domande possono essere i tuoi 7passi per il Successo che ti invitano a guardare il business da un approccio a 360°.
 
Puoi anche giocare con la sequenza dei passaggi, cambiando l’ordine in cui ti poni queste domande. Scoprirai come si nutrono l’un l’altra per creare un quadro più completo, un piano aziendale più flessibile o una mission aziendale più accurata. Ad esempio: “come” far muovere il business sarà influenzato anche da “chi” lavorerà nel business, “quando” e “quali” saranno le loro competenze.
 
Inizia vedendo queste domande una ad una. Quindi ripassale di nuovo, senza fare riferimento alle tue risposte precedenti. Al terzo passaggio, vedrai che regalo è, e quanta maggior chiarezza otterrai nelle tue risposte. Sarai in grado di esplorare nuove possibilità che si riveleranno ad ogni ciclo di risposte.
 
E qui arriviamo alla parte finale di questo esercizio.
 
 
Abbiamo parlato di tutte le domande pertinenti per determinare il business dall’interno. Ma qui ci sono altri due fattori da prendere in considerazione:
1. In che modo l’azienda ti influenzerà personalmente?
2. In che modo l’attività influirà su fattori esterni, ad esempio il mondo, le persone nella tua vita e altre attività simili?
Quale priorità ti piacerebbe dare a questi due fattori? Torna indietro e dai un giro finale di risposte a ciascuna delle domande tenendo conto di questi fattori e guarda come si trasforma la tua percezione!
 
Quando hai già un’attività commerciale, è importante anche riconoscere quando è il momento per un cambiamento, e queste domande possono aiutarti a valutarlo. A volte avviamo un’attività e abbiamo collaboratori che sono ottimi nella fase di start-up. A un certo punto, potrebbe essere necessario un cambiamento nei collaboratori per portare l’azienda alla fase successiva, nuove persone con talenti diversi che portino l’azienda a un altro livello. E, spesso, è importante riconoscere quando è il momento di chiudere l’attività, iniziarne una nuova o espandere l’attività esistente.
 
 
Queste sono tutte energie diverse, ed è importante fare domande ad ogni passo per sapere se è necessario andare avanti, mantenere o cambiare rotta.
 
L’attività commerciale e imprenditoriale è un impegno dinamico e in continua evoluzione. Sei pronto ad avere più facilità e chiarezza su quale direzione vuoi prendere?
 
 
Prova i 7passi per il Successo e scopri quali innovazioni o anche conferme possono portare a te e al tuo business.
 
 
 
Kass Thomas
 
#kassthomas #7steps #7stepstoflawlesscommunication #dancingwithriches #kassism 
#accessconsciousness #whatelseispossible #weip #nevergiveup #easejoy&glory
 
#communication #motivation #empoweringpeople #business #success #women #moreease #money

The 7steps to Success in Your Business


Every great business has a story. The first seed that is planted into the entrepreneur’s mind can flourish into a successful company with the right tools and focus. So, we have come here to ask you: What will it take for you to start your business?
This question can be divided further into 7 questions, your 7steps to Success with your business:
Why, who, for whom, what, when, where and how. Sound simple enough? These simple questions have the capacity to facilitate a thorough exploration of what your business has the capacity to become, so that you both can fly and glide the winds of change and reach for the sky and beyond.
Let us begin.
Go through the questions at least five different times. Use a booklet to write down your responses to each question, and leave enough space after each question, so you can go back and write the next round of responses under each question. Leave about 5 spaces for each question. Try to fill in a new space for each question without letting the previous answers influence the new one. This helps you test the limits, possibilities, and creativity of your own mind. It will be quite interesting to see how often your new responses align with the old ones, and how often new awarenesses pop up that expand your initial perspective.

Rule #1: HAVE FUN
Rule #2: DO NOT JUDGE YOUR RESPONSE
Rule #3: BE WILLING TO BE ILLOGICAL, UNPREDICTABLE, AND WEIRD
  1. Why?
Why do you want to start this business?
What is your inspiration and motivation for starting this? 
(Please note this can be economic, spiritual, emotional, intellectual. Please do not try to have an “honorable” motivation – that is a judgement and a violation of rule #2.)
Simply write down the first things that come to mind. See if you can write down at least 3 responses.
2.  Who?
Who will work in this business? 
Will you? 
Will others?
Who are those others? 
Even if you don’t know their names yet, what are the talents and characteristics of the people who would be a contribution? What does the business require (activities, talents, roles, expertise)? 
Sometimes you need a person with a certain title to be on board, one of the founding members, or an ambassador for the company, in order to give the business a level of prestige, it requires to make an impact. That could be a famous psychologist or a Nobel peace prize winner, depending on the business. Who will be involved is a great question. Write down at least 7 names or titles or talents or a combination of each.
3. Whom?
For whom is the business? Who is the customer?
Who would benefit most from the services or products you plan to offer? 
What demographics do they have?
4. What?
What is the business about? 
What exactly is the product or service?
What makes it unique? 
What do you see it creating in the industry or world?

5. When?
Is now the time to launch the business? Or is it in the future?
Why is now or then the perfect timing to open the business?
How long will it last? Is it a temporary project?
What phases will it have?
When does each phase begin and end?
Often, how much time something takes is not relevant, but timing can be a great key to success.

6. Where?
Does it have a physical location?
Is it an online business?
Is the “where” you have decided an advantage or a limitation?
Might this be a pilot project in one location that then expands into multiple locations?
7. How?
How will you start, get the word out, activate the functionality of the business, and move it to success?
What’s the plan and with each step what are the alternatives in case you encounter roadblocks?
These questions can be your 7steps to Success as they invite you to look at the business from a 360° approach.
You can also play with the sequence of the steps, changing the order in which you ask yourself these questions. You will discover how they feed into one another to create a more complete picture, a more flexible business plan, or a more accurate mission statement. For example: “how” you get the business moving will also be influenced by “who” will be working in the business, “when” and “what” their skills are.
Look at these questions one by one to begin with. Then go through them again, without referring to your previous answers. By the third round, you will see what a gift it is and how much more clarity you gain on your responses. You will be able to explore new possibilities which reveal themselves with each round of responses.
And here we come to the final part of this exercise.
We have discussed all the relevant questions to determine the business internally. But here are two other factors to take into consideration:
  1. How will the business affect you personally?
  2. How will the business affect external factors, i.e., the world, the people in your life, and similar businesses)?
In what priority would you like to place the above two factors? Go back and give one final round of responses to each of the questions with these factors in mind and see how your perception transforms!
When you already have a business, it is also important to recognize when it is time for a change, and these questions can help you ascertain that too. Sometimes we start a business and have collaborators that are very good at start-ups. At a certain point, a change in collaborators may be required in order to move the business to the next phase, new people with different talents that get the business going on a different level. And, often, it is important to recognize when it is time to close the business, start a new business, or expand the business.
These are all different energies, and it is important to ask questions at each step of the way to know whether you should move forward, maintain, or change tracks.
Business and entrepreneurial activity is an ever changing and dynamic endeavor. Are you ready to have more ease and clarity about which direction you desire to take?

Try the 7steps to Success and see what innovation or even confirmation they can bring to you and your business.





Kass Thomas


#kassthomas #7steps #7stepstoflawlesscommunication #dancingwithriches #kassism 
#accessconsciousness #whatelseispossible #weip #nevergiveup #easejoy&glory
#communication #motivation #empoweringpeople #relationship #business #success #women #moreease #money

Donne, Finanza e Consapevolezza: un Planning per il Futuro

Women, Finance and Awareness: Planning for the Future


Cosa serve per potenziare pienamente le donne?


Pari opportunità di lavoro, pari retribuzione, diritto di voto e molte altre cose come quando faccio questa domanda. Queste cose, oltre a consentire alle donne di creare futuri finanziari più sicuri, sono state create anche per il mondo in generale.
 
Quindi, come possiamo creare di più per il mondo in generale potenziando le donne?
 
Il passo più importante è aumentare la consapevolezza. Informandosi sulla loro situazione finanziaria, le donne possono avere una maggiore consapevolezza che porta sempre maggiori possibilità e più scelta.
 
Inevitabilmente, ci sono molti fattori che non sono immediatamente in nostro controllo, ma ce ne sono molti altri che sono nel nostro controllo. Se siamo disposte a indagare su di loro e restare informate, possiamo lavorare con entrambi, alcuni a breve termine, altri a lungo termine. Lasciatemi fare alcuni esempi:
 
Fattori che NON sono nel nostro controllo immediato:
 
Come progredisce la società?
La società progredisce quando qualcuno prende posizione. Ci fu una donna che impuntò i piedi e chiese il diritto di voto. Un’altra donna chiese di lavorare e guadagnare i propri soldi. Un’altra ha chiesto di avere il diritto allo studio.
 
È quando parliamo e facciamo conoscere i nostri desideri, che la società progredisce e fa un cambiamento in meglio.
 
Ma questo processo non è sempre così facile come potrebbe sembrare e ci vuole tempo per fare questi cambiamenti; e molto sangue, sudore e lacrime. Quindi, questi sono fattori che non sono nel nostro controllo immediato.
 
Faccende come la parità retributiva e le pari opportunità di lavoro richiedono un certo sforzo. Stiamo lavorando per renderli realtà, ma non ci siamo ancora del tutto.
 
Che dire dei fattori che sono nel nostro controllo immediato?
 
È solo questione di essere consapevoli che fa la vera differenza nel mondo.
Sei consapevole del tuo stato economico?
Sei consapevole dei tuoi investimenti o del tuo potenziale di investimento?
Sei consapevole del valore competitivo del tuo attuale stipendio? (vale a dire quanto un uomo verrebbe pagato al tuo posto.)
Sei consapevole di tutte le spese domestiche, i rimborsi di prestiti, i pagamenti dei mutui e altri? (Anche se qualcun altro lo sta gestendo per te.)
 
È fondamentale che le donne esplorino le risposte a tutte queste domande. Questi fattori sono in nostro controllo e sono i primi passi per massimizzare la nostra ricchezza. Dobbiamo essere consapevoli delle risposte a queste domande se desideriamo proteggere il nostro futuro finanziario.
 
Le donne non sono veramente potenziate finché non sono consapevoli e in controllo delle proprie finanze.
 
Le finanze, o i soldi, sono il potere d’acquisto di un individuo. È la capacità per noi di compare ciò che vogliamo, investire come vogliamo e persino trasformare quei soldi in maggior ricchezza. È fondamentale per le donne avere indipendenza finanziaria, al fine di poter prendere le proprie decisioni e garantire un futuro a se stesse e alla propria famiglia. Quando dipendiamo ciecamente dagli altri, come i nostri mariti o famiglie, trasferiamo loro quella responsabilità e rinunciamo al nostro potere. Recuperare la consapevolezza finanziaria non significa che non ti fidi della tua famiglia, significa che ti fidi di te stesso e sei disposto a contribuire attivamente alla famiglia e al mondo.
 
Ora che abbiamo identificato alcuni modi specifici per attivare consapevolezza finanziaria e sicurezza per il futuro per noi stessi, è importante guardare al quadro generale:
 
Cosa ci vorrebbe per raggiungere l’ascesa economica delle donne a livello globale?
Quante donne occupano posizioni dirigenziali in tutto il mondo?
Questo numero è abbastanza alto?
 
Una volta, sono andata a un incontro organizzato da una bancaria per un gruppo di donne. Abbiamo parlato di donne, banche e finanza. Ci stava fornendo statistiche sulla percentuale di donne che occupavano posizioni nei vertici di tutto il mondo. Le è anche capitato di menzionare uno studio di ricerca che affermava che più donne occupano posizioni dirigenziali, più ciò aumenta la crescita economica e le opportunità per il mondo. Questo ci dice che il mondo ha riconosciuto il contributo che le donne possono essere, è ora che ce ne rendiamo conto. 
 
Per fare un piccolo esempio del contributo economico che possono essere le donne, pensa a qualcosa come questo: se la forza lavoro consistesse esclusivamente di uomini e NESSUNA donna, ciò darebbe all’economia metà della forza lavoro, metà delle competenze, metà delle possibilità e metà delle opportunità.
 
È ora il momento per le donne di rivendicare il loro potere finanziario e quindi aumentare la potenza economica e il potenziale per il mondo?
 
Cominciamo con l’ottenere una maggiore consapevolezza finanziaria individuale, informandoci sulla nostra situazione. Quindi, continuiamo a esplorare quale progresso nella società possiamo contribuire rimanendo informate e facendo domande, in modo da poter scoprire nuove possibilità e fare scelte diverse per un futuro economico mondiale più grande.
 

 

Pronta a iniziare oggi? Qual è l’unica azione che puoi intraprendere oggi per muoverti subito verso la creazione di un futuro finanziario più sicuro?
 
 
Kass Thomas
 
#kassthomas #7steps #7stepstoflawlesscommunication #dancingwithriches #kassism 
#accessconsciousness #whatelseispossible #weip #nevergiveup #easejoy&glory
 
#communication #motivation #empoweringpeople #relationship 
 
#business #success #women #moreease #money
 

Women, Finance and Awareness: Planning for the Future


What does it take to empower women completely?

Equal employment opportunities, equal pay, the right to vote, and many other things come to mind when I ask this question. These things, in addition to empowering women to create a more secure financial future, they also generate more for the world at large.

So, how can we create more for the world at large by empowering women?

The most important step is to increase awareness. By informing themselves about their financial situation, women can have more awareness which always brings about greater possibilities and more choice.

Inevitably, there are many factors that are not immediately in our control, but there are also many others that are within our control. If we are willing to investigate them and stay informed, we can work with both of these, some short term, some long term. Let me give some examples:

Factors that are NOT in our immediate control:

How does society progress?
Society progresses when someone takes a stand. There was a woman who put her foot down and demanded the right to vote. Another woman demanded to work and earn her own money. Another one demanded to be given the right to study.

It is when we speak up and make our desires known, that society progresses and makes a change for the better.

But this process is not always as easy as it might seem, and it takes time to make these changes; and a lot of blood, sweat, and tears. So, these are factors that are not in our
immediate control.

Things like equal pay and equal employment opportunities take some effort. We are working toward making these a reality, but we are not quite there yet.

What about factors that ARE in our immediate control?

It is just a matter of being aware that makes all the difference in the world.
Are you aware of your economic status?
Are you aware of your investments or investment potential?
Are you aware of the competitive value of your current salary? (i.e. what a man would be paid in your place.)

Are you aware of all your household expenditures, loan repayments, mortgage payments, and others? (Even if someone else is currently handling that for you.)

It is crucial for women to explore the answers to all these questions. These factors are in our control, and they are the first steps to maximizing our wealth. We must be aware of the responses to these questions if we desire to secure our financial future.

Women are not truly empowered until they are aware and in control of their own finances.

Finance, or money, is the purchasing power that an individual has. It is the capacity for us to buy what we want, invest how we want, and even transform that money into more wealth. It is crucial for women to have financial independence, in order to be able to make their own
decisions and secure a future for themselves and their family. When we blindly depend upon others, like our husbands or families, we transfer that responsibility to them and give up our power. Reclaiming financial awareness does not mean you don’t trust your family, it means that
you trust yourself and are willing to be an active contribution to the family and to the world.

Now that we have identified some specific ways to activate financial awareness and security for the future for ourselves, it is important to look at the bigger picture:

What will it take to achieve the economic rise of women globally?
How many women take up top management positions across the globe?
Is this number enough?

Once, I went to a meeting organized by a banker for a group of women. We spoke about women, banking, and finance. She was giving us statistics about the percentage of women who occupied positions in top management across the globe. She also happened to mention a research study that claimed that the more women occupy top management positions, the more this increases economic growth and opportunities for the world. This tells us, the world has
recognized the contribution women can be to it, it is time that we realize it as well.

To give a small example of the economic contribution that women can be, think about it like this:
If the workforce consisted solely of men, and NO women, that would give the economy half the hu-manpower, half the skills, half the possibilities, and half the opportunities.

Is now the time for women to reclaim their financial power, and thereby increase the economic potency and potential for the world?

Let’s start with gaining more individual financial awareness, becoming informed about our own situation. Then, let’s continue exploring what progress in society we can contribute by staying informed and asking questions, so that we can discover new possibilities and make different
choices for a greater economic world future.

Ready to start today? What is the one action you can take today to move toward creating a more secure financial future right away?


Kass Thomas


#kassthomas #7steps #7stepstoflawlesscommunication #dancingwithriches #kassism 
#accessconsciousness #whatelseispossible #weip #nevergiveup #easejoy&glory
#communication #motivation #empoweringpeople #relationship #business #success #women #moreease #money

E’ ora il momento?

Quante volte ti sei chiesto se fosse il momento giusto per fare quella determinata cosa, o se sarebbe stato meglio aspettare e vedere cosa sarebbe successo…

TU LO SAI…

E’ quello che vuoi veramente? allora è ORA il momento giusto per farlo!



Seguimi nell’avventura della tua vita… ti divertirai!

Kass Thomas




#kassthomas #7steps #7stepstoflawlesscommunication #dancingwithriches #kassism 
#accessconsciousness #whatelseispossible #weip #nevergiveup #easejoy&glory
#communication #motivation #empoweringpeople #relationship 


Che bisogno hai di soddisfare le relazioni che scegli?



Alcune persone considerano le relazioni laboriose, un sacrificio o un peso. Spesso facciamo i nostri “doveri relazionali” per obbligo. Questo può lasciarci svuotati o risentiti, inadeguati o addirittura sfruttati.

In ogni caso, non è la facilità, la gioia o la gloria.

Un senso di obbligo può pesare tremendamente su una relazione. Spesso crea separazione e rifiuto basato su proiezioni, risentimento, colpa, vergogna, aspettative insoddisfatte o qualsiasi numero di altre invenzioni e incomprensioni.
Quanto è divertente, eh!?
Non tanto.

E se fosse più facile?


La cosa più importante in ogni relazione – che sia con un partner, i tuoi figli, amici di famiglia o colleghi è che tu sia onesto e sincero con te. Connesso con te.



Kass Thomas


#kassthomas #7steps #7stepstoflawlesscommunication #dancingwithriches #kassism 
#accessconsciousness #whatelseispossible #weip #nevergiveup #easejoy&glory

#communication #motivation #empoweringpeople #relationship 

A proposito di Kass

Mi piacerebbe riportare una testimonianza che mi ha fatto piacere ricevere



“Ho incontrato Kass per la prima volta nell’estate del 2017. Ero alla mia seconda classe Bars con un facilitatore internazionale, e dopo la classe c’era una presentazione.

Ero stata attratta immediatamente da quel piccolo libro (7passi per una comunicazione vincente – ndr) sulla comunicazione, così piccolo e senza pretese, ma così potente.
E appena l’ho preso è arrivata l’autrice in persona!
Non l’avevo mai vista prima – solamente online – e ho notato subito la sua eleganza semplice e la grande presenza.

Così, avevo in mano questo libro, e le ho chiesto una dedica…

Grazie per la preziosa compagnia in questo viaggio.”


Carla P.


La dedica:
Grazie per aver comprato questo libro, 
è piccolo, è facile, ma non stupido.
Spero che ti possa accompagnare 
nel viaggio bello verso una 
consapevolezza maggiore

Con amore,
Kass







#kassthomas #7steps #7stepstoflawlesscommunication #dancingwithriches #kassism 
#accessconsciousness #whatelseispossible #weip #nevergiveup #easejoy&glory

#communication #motivation #empoweringpeople #relationship 

Quel est le moyen le plus simple de vous retrouver quand vous vous perdez ?


Il y a toujours moments- qui peuvent durer quelques secondes, heures, jours, semaines, où nous réalisons tout à coup : je ne suis pas moi. Lorsque nous entrons dans cet espace où nous sommes conscients que quelque chose ne va pas, que quelque chose nous fait réagir plus que nous aimerion. Il existe un processus que nous subissons, consciemment ou inconsciemment, qui nous permet de revenir à notre vrai moi.

Nous avons besoin d’être conscients de la façon dont nous retrouvons qui nous sommes vraiment afin de mieux nous comprendre. Qu’est-ce qui nous fait nous concentrer, recentrer et revenir à notre esprit, notre corps et notre être ?

  1. Identification : Est-ce que je ne suis pas moi-même ? Dans quelle situation suis-je qui me stresse ?

  2. Responsabilité : Quelles sont les émotions qui m’empêchent d’être moi-même ? Quelles sont les actions qui m’ont permis de m’en rendre compte ? Ces actions sont-elles le résultat de ces émotions indésirables ?

  3. Choisir le bon chemin : Comment puis-je revenir à moi ? Quelles sont les activités et les actions qui me permettront de retrouver le chemin vers qui je suis vraiment ?


Pour partager avec vous mon expérience avec ça, voici mon parcours sur comment je reviens vers moi-même.

    1. Identification : Il est facile pour moi de reconnaître quand je ne suis pas moi-même. Comment, vous demandez ?

    Pour savoir quand vous vous éloignez de vous, vous devez d’abord être complètement conscient de vous-même en tant que personne. Quelle est votre émotion la plus récurrente ? Comment réagissez-vous dans une situation qui vous met sous pression ? Comment réagissez-vous dans une situation qui vous est favorable ? Une fois que vous aurez répondu à des questions comme celles-ci, il vous sera facile de déterminer quand vous n’êtes pas vraiment vous.

    Parfois, lorsque je me sens inutilement grincheuse, nerveuse, irritable ou que je me prends trop au sérieux, je réalise que ce n’est pas moi. Ce n’est pas ainsi que j’ai choisi de réagir et je vais donc changer cela.

    1. Responsabilité : nous avons tous un certain ensemble d’émotions autour desquelles nous gravitons – pour moi, c’est la joie, la fluidité, le rire (humour) et l’énergie. Dès que vous identifiez des émotions que vous ne ressentez pas normalement, vous avez le sentiment que quelque chose ne va pas. Les émotions cèdent le pas à des actions indésirables, et parfois vous pourriez même être choqué de vous comporter d’une certaine manière. Revenez en arrière, identifiez les actions et identifiez la source de celles-ci, à savoir les émotions. Si je suis en colère, irritable, confuse ou déconcertée, je m’ARRÊTE immédiatement et je me demande: qu’est-ce qui ne va pas ? Pourquoi je me comporte de cette façon ? Comment puis-je retourner en moi et qu’est-ce qui me calmera suffisamment pour retourner dans mon propre espace ?

    2. Choisir le bon chemin : Nous avons tous différentes façons de nous concentrer, de nous recentrer et de revenir à nous-mêmes. L’endroit que nous voulons atteindre est un espace complètement calme, concentré et détendu. Comment y arriver, ça ne tient qu’à nous.

    Qu’est-ce qui vous calme ? Quelles sont les actions qui vous font vous sentir proche de vous ? Ce pourrait être lire, chanter, danser ou même faire une sieste !


Quelque chose qui m’aide à me sentir proche de moi est simplement de m’arrêter pour observer la simplicité et la facilité de mon environnement. Je peux me connecter avec un arbre, la mer, le ciel ou même un animal.
Ensuite, si je me connecte à un arbre, je peux me concentrer sur ses feuilles, la douceur avec laquelle elles se déplacent avec la brise, ou la fleur à côté, sans effort dans sa simplicité, mais tellement salutaire avec la complexité de ses fonctions et de sa structure.

Je peux regarder un chat marcher à grands pas et s’arrêter soudainement, regardant avec ses yeux perçants, pénétrant son environnement et l’enregistrant vraiment. Je me connecte avec le chat et, pendant un instant, j’observe l’environnement à travers ses yeux, sa perspicacité et son objectivité.

Trouvez votre rythme, votre chemin. Rappelez-vous de toujours revenir à vous, car vous êtes le meilleur espace pour vous-même.



Kass Thomas


#kassthomas #7steps #7stepstoflawlesscommunication #dancingwithriches #kassism 
#accessconsciousness #whatelseispossible #weip #nevergiveup #easejoy&glory
#communication #motivation #empoweringpeople #relationship 

Qual è il modo più facile per tornare a te – quando perdi te stesso?


Ci sono sempre momenti – che potrebbero durare secondi, ore, giorni, settimane – dove all’improvviso realizziamo: questa non sono io. Quando entriamo in uno spazio in cui siamo consapevoli che qualcosa è sbagliato, qualcosa che ti fa reagire in un modo diverso da come tu vuoi comportarti, c’è un processo che subiamo, consciamente o inconsciamente, che ci permette di tornare al nostro vero sé.

Abbiamo bisogno di essere consapevoli di come tornare a chi siamo veramente per capire meglio noi stessi. Che cosa ci fa focalizzare di nuovo, ri-centrare e tornare alla nostra mente, al corpo e all’Essere?


  1. Identificazione: Non sono me stesso? Qual è la situazione in cui sono che mi sta causando stress?

  1. Responsabilità: quali sono le emozioni che mi impediscono di essere me stesso? Quali sono le azioni che mi hanno fatto realizzare ciò? Queste azioni sono il risultato di queste emozioni indesiderabili?

  1. Scegliere la strada giusta: Come posso tornare da me? Quali sono le attività e le azioni che mi permetteranno di ritrovare il mio percorso verso chi sono veramente?

Per riportare la mia esperienza, ecco il modo in cui io torno a me stessa.


  1. Identificazione: è facile per me riconoscere quando non sono me stesso. “Come?” ti chiederai. 
Per sapere quando sei lontano da te, devi prima essere completamente consapevole di te stesso come persona. Qual è la tua emozione più ricorrente? Come reagisci quando sei sotto pressione? Come reagisci in una situazione favorevole? Una volta che avrai risposto a queste domande, sarà facile capire quando non sei il tuo vero sé. 
A volte, quando mi sento scontrosa, nervosa, irritabile senza motivo o semplicemente mi prendo troppo sul serio, mi rendo conto: questa non sono io. Questo non è il modo in cui scelgo di reagire, e quindi lo cambio.

  1. Responsabilità: Tutti noi abbiamo un certo tipo di emozioni che ci girano intorno – per me sono felicità, fluire liberamente, risate (umorismo) ed energia. Non appena identifichi emozioni che non senti normalmente, hai la sensazione che qualcosa non va. Le emozioni lasciano il posto a azioni indesiderabili, e a volte potresti perfino essere scioccato dal comportarti in un certo modo. Torna indietro,  identifica le azioni, e scopri la fonte delle azioni – che sono emozioni. Se mi scopro arrabbiata, irritabile, confusa o scombussolata, mi fermo immediatamente e mi chiedo: cosa c’è che non va? Perché mi sto comportando in questo modo? Come posso tornare da me e cosa mi farà calmare abbastanza da tornare di nuovo nel mio spazio?

  1. Scegli la strada giusta: tutti noi abbiamo modi diversi di rifocalizzarci, ri-centrarci e tornare a noi stessi. Il luogo che vogliamo raggiungere è uno spazio completamente calmo, focalizzato e rilassato. Come arrivarci sta a noi. Cosa ti calma? Quali sono le azioni che ti fanno sentire vicino a te stesso? Potrebbe essere leggere, cantare, ballare o anche fare un riposino!

Qualcosa che mi aiuta a sentirmi vicino a me è semplicemente fermarmi ad osservare la semplicità e la facilità di ciò che mi circonda. Potrei connettermi con un albero, il mare, il cielo o persino un animale.
Quindi, se mi collego con un albero, potrei concentrarmi sulle sue foglie, sulla delicatezza con cui si muovono con la brezza, o sul fiore lì accanto, così spontaneo nella sua semplicità, eppure così integrato con la complessità delle sue funzioni e la sua struttura.

Potrei guardare un gatto, che cammina aggraziato e poi si ferma all’improvviso, guardando con i suoi occhi acuti, osservando l’ambiente e recependolo davvero. Mi collego con il gatto e, per un momento, vedo l’ambiente attraverso i suoi occhi, attraverso la sua messa a fuoco e obiettività.


Trova il tuo ritmo, trova il tuo percorso. Ricordati di tornare sempre da te, perché sei lo spazio migliore per te stesso.




Kass Thomas



#kassthomas #7steps #7stepstoflawlesscommunication #dancingwithriches #kassism 
#accessconsciousness #whatelseispossible #weip #nevergiveup #easejoy&glory
#communication #motivation #empoweringpeople #relationship